Categorie
Arts-Expert

Alex Musa: cantante e conduttore per la sfida alle “dipendenze”. Uno showman a tutto tondo.

Poliedrico e comunicativo. Per Alex Musa la musica è il canale di sfogo per urlare al mondo i propri pensieri. All’attivo ha vari brani, che hanno riscosso successo fra i più giovani e non solo. Scovato da Roberto Betocchi e trascinato nell’orbita del progetto “no dipendenze”, gira le scuole di tutta la Sardegna per insegnare ai ragazzi quelli che sono i pericoli ed i tranelli di una vita che non deve avere come valvola di sfogo l’assuefazione alle varie droghe in commercio illegale oppure l’eccessivo utilizzo di smartphone e tablet. Che rappresentano certamente la tecnologia che avanza, ma che tuttavia vanno utilizzati con parsimonia e comunque sotto il controllo dei genitori. Lo sport innanzitutto: è questo il messaggio che Alex Musa tenta di trasmettere con i suoi show all’insegna dello scambio reciproco con i giovanissimi. E riesce a farlo con disinvoltura e spirito costruttivo. È lui che gestisce in primis quelli che sono gli approcci scolastici, coinvolgendo in uno spettacolo snello e senza punte di drammaticità anche gli insegnanti, i quali si sentono coinvolti al pari dei loro stessi alunni. Alex è un cantante, ma pure un conduttore a tutto tondo, capace di trasferire la sua energia anche ad illustri professori che si sono alternati nei vari momenti del lungo viaggio intrapreso per sensibilizzare sui pericoli che possono incontrare strada facendo. Per ora sono state toccate varie località nel cagliaritano, dopo che la carovana delle “no dipendenze” aveva già svolto la propria “mission” presso ì principali capoluoghi di provincia con manifestazioni negli stadi di Nuoro, Sassari, Olbia ed ovviamente Cagliari. E ci sarà pure una puntata fuori Sardegna. Tutto all’insegna di quello che deve essere lo spirito comportamentale per una vita migliore.

SERGIO DEMURU

Categorie
Arts-Expert

Professor Biggio e Gianluca Calabrese. Binomio vincente

Dental Clinic di Gianluca Calabrese ed il professor Giovanni Biggio, neuropsicofarmacologo: un connubio vincente. Il secondo combatte contro le dipendenze, soprattutto nei confronti degli smartphone. Una lotta senza quartiere che va avanti da anni. È intervenuto alla “convention” per le “no dipendenze” nella coinvolgente cornice dell’Hotel Regina Margherita. Tanti proseliti ed una platea competente che hanno seguito le lezione del professor Biggio, abile nello spiegare, in maniera chiara e comprensibile, quali sono i pericoli di un’opzione che coinvolge soprattutto i giovanissimi. L’organizzazione del “deus ex-machina” Roberto Betocchi, che ha progettato un “tour” per le scuole di tutta la Sardegna per coinvolgere al massimo i giovani su problemi importantissimi. Al fianco di professor Biggio, ecco la figura di Gianluca Calabrese. La sua Dental Clinic vuole aiutare le persone a diventare il principale responsabile della propria salute, passando per la cura del sorriso, della bocca e dell’anima e creando un equilibrio con se stessi e con la natura. Nello Studio, grazie alla collaborazione di oltre 40 persone, si uniscono le più recenti tecnologie, i migliori protocolli organizzativi e di lavoro e i rimedi che la natura ci offre. Cominciando con ascoltare le esigenze del singolo ed i suoi desideri si pianificano insieme gli obiettivi di cura e si realizzano le terapie dentistiche in armonia con ogni passo cadenzato teso a minimizzare l’invasività e ad annullare ansie, paure e dolore. Il Centro Odontoiatrico può giovarsi dell’utilizzo di moderne apparecchiature come sistemi radiologici digitali computerizzati, eseguiamo radiografie panoramiche direttamente in studio, siamo dotati dell’apparecchiatura per la sedazione cosciente e del sistema Cerec 3D.

SERGIO DEMURU

Categorie
Arts-Expert

Bob Marongiu

Tra i più noti artisti presenti nel villaggio di “No Dipendenze – plein air”, Bob Marongiu ha messo a disposizione tutta la propria creatività e passione per i giovani di Sassari, Nuoro, Olbia e Cagliari, che si sono avvicinati nel suo stand.

Chi non conosce Bob Marongiu? Il suo è un mondo a colori, dai toni vivi e brillanti.

Tra colori, pennelli e una chitarra – simbolo della sua grande passione per la musica – gli studenti hanno avuto la sensazione di compiere un viaggio a ritroso nel paradiso perduto dell’infanzia.

In un Eden popolato di personaggi fiabeschi, di figure animali dai tratti umanizzati e surreali che del mondo, quello vero, sembrano conoscere solo l’allegria.

Con la sua pittura Bob Marongiu si dimostra artista con i piedi ben piantati a terra e che con i più giovani ha sempre avuto feeling, dato che ha sempre giocato a dipingere con i suoi figli.

Uno sguardo dedicato proprio ai più giovani perché – dice – riescono sempre a sorprenderlo con le loro osservazioni e a regalargli ogni volta la freschezza di una nuova ispirazione : “Perché lo sguardo dei bambini è pulito e senza i filtri che noi adulti abbiamo”.

www.bobmarongiu.it

 

Categorie
Arts-Expert

LUGHENE’

Curiosità e fascino: è quello che i giovanissimi hanno provato quando hanno visitato lo stand dell’Associazione Culturale Lughenè in occasione dei Villaggi del progetto “No Dipendenze – plein air”.

Davanti ai loro occhi, infatti, non c’erano certamente dispositivi elettronici. Ma flipper, biliardi, battaglia navale, gioco dei cani e degli sciacalli, labirinti, trou madame, tavolo elastico, hockey da tavolo, domino, forza quattro, tris, bowling, pescapesce, petanque da tavolo, biliardo giapponese, trampoli e tanti altri giochi di diversi paesi del mondo.

Tutti targati “Gle, grandi giochi in legno”, che sono parte di un progetto laboratoriale che mira a valorizzare il territorio e a favorire l’interazione sociale attraverso il gioco.

Tutti i giochi in legno, di grandi dimensioni, sono stati posizionati in modo da occupare interamente il proprio spazio davanti allo stand, e i giovanissimi hanno mostrato grande interesse, grazie anche al personale dell’Associazione che è stato a loro completa disposizione per spiegarne e mostrarne l’uso.

Un modo vecchio e nuovo assieme affinché bambini, ragazzi, ma anche genitori e nonni possano giocare insieme, socializzare, occasione intergenerazionale per riunire attorno a un gioco più persone.

lughene.org

 

Categorie
Arts-Expert

ZEROXCUSES

Anche gli atleti straordinari di ZeroXcuses hanno accolto con entusiasmo l’invito dell’ASD Sport e Salute per dare il proprio contributo per il progetto “No Dipendenze – plein air”.

Davanti a centinaia di ragazzi, lo scopo principale è stato quello di coinvolgere e sensibilizzare gli istituti scolastici e le comunità in tutta la Sardegna sui pericoli delle diverse forme di dipendenza, che includono sostanze stupefacenti, alcool, fumo, gioco d’azzardo e l’uso eccessivo di dispositivi digitali.

Un coinvolgimento in perfetto stile ZEROXCUSES.

Presenti a tutte e quattro le tappe della manifestazione in Sardegna, hanno portato agli studenti il loro coinvolgente circuito di resistenza che rappresenta simbolicamente le tappe necessarie per uscire dalla dipendenza.

E’ stata un’esperienza emozionante e formativa per tutti gli studenti che hanno partecipato. “Insieme – hanno detto – possiamo creare un futuro più sano e resiliente per le giovani generazioni”.

www.zeroxcuses.com

 

Categorie
Arts-Expert

Nicholas Angius – Caricaturista

Tra le iniziative messe in campo dall’Associazione “Sport e Salute” nei Villaggi del Progetto “No Dipendenze”, particolare attenzione ha richiamato nei ragazzi lo stand del bravissimo caricaturista Nicholas Angius.

Assieme a lui i giovani di Sassari, Nuoro, Cagliari e Olbia hanno imparato i primi trucchi del mestiere, sono stati curiosi nell’apprendere le prime tecniche di Angius e sapere da lui come si diventa caricaturista e quale percorso intraprendere per questo genere di street art.

Anche perché saper disegnare non basta: il caricaturista è un ottimo osservatore che sa accentuare i tratti del volto, creando una rappresentazione grottesca e simbolica, per far ridere o riflettere.