Categorie
Senza categoria

L’attività fisica come strumento di salute, ma anche opzione per diminuire la spesa sanitaria.

L’attività fisica regolare permette risparmi sulla spesa sanitaria privata e pubblica, per un valore economico annuo stimato di € 5,6 mld (49% dell’impatto totale).
Nell’Unione europea (UE), il 45% delle persone afferma di non fare mai esercizio fisico o praticare sport e una persona su tre ha livelli insufficienti di attività fisica, secondo l’ultimo sondaggio specifico dell’Eurobarometro. Ciò porta a milioni di casi di malattie non trasmissibili, che peggiorano la salute delle persone e appesantiscono le economie. Un nuovo rapporto dell’OMS e dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico spiega come l’aumento dell’attività fisica ai livelli raccomandati potrebbe prevenire migliaia di morti premature nell’UE e risparmiare miliardi nella spesa sanitaria.
“L’attività fisica regolare è una delle cose più importanti che le persone possono fare per una vita sana. Non solo riduce significativamente il rischio di numerose malattie non trasmissibili, ma migliora anche la salute mentale e aumenta il benessere”, afferma Kremlin Wickramasinghe, capo ad interim dell’Ufficio europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie non trasmissibili dell’OMS.
L’OMS raccomanda almeno 150 minuti di attività fisica di intensità moderata a settimana e ogni movimento conta per una salute migliore. Il nostro ultimo rapporto mostra che se tutti nell’UE dovessero soddisfare i livelli di attività fisica raccomandati dall’OMS, si potrebbero prevenire più di 10.000 morti premature ogni anno.
Il nuovo rapporto prodotto in collaborazione con l’OCSE e con il finanziamento dell’UE mostra il potenziale impatto che l’aumento dei livelli di attività fisica avrebbe sulla salute della popolazione e sull’economia dell’UE.
Secondo la pubblicazione, l’aumento dell’attività fisica ai livelli minimi raccomandati nell’UE eviterebbe 11,5 milioni di nuovi casi di malattie non trasmissibili entro il 2050, inclusi 3,8 milioni di casi di malattie cardiovascolari, 3,5 milioni di casi di depressione, quasi 1 milione di casi di diabete di tipo 2 e più di 400.000 casi di tumori diversi. Raggiungere l’obiettivo di 300 minuti di attività fisica a settimana eviterebbe altri 16 milioni di casi di malattie non trasmissibili.
Inoltre, il rapporto presenta i potenziali benefici economici calcolati di una maggiore attività fisica nelle parità di potere d’acquisto (PPP), i tassi di conversione delle valute che cercano di pareggiare il potere d’acquisto delle diverse valute, eliminando le differenze nei livelli dei prezzi tra i paesi.
Oggi, la Germania, l’Italia e la Francia registrano il carico più elevato di attività fisica insufficiente sulla spesa sanitaria nell’UE. Il rapporto OMS/OCSE stima che questi 3 paesi spenderanno in media rispettivamente 2 miliardi di euro PPA, 1,3 miliardi di euro PPA e 1 miliardo di euro PPA per il trattamento di malattie legate a un’attività fisica insufficiente ogni anno tra il 2022 e il 2050.
“Il nostro studio di modellazione mostra chiaramente che l’aumento dei livelli di attività fisica non è solo ottimo per la salute, ma creerà un effetto positivo per l’economia di qualsiasi paese, restituendo 1,7 euro di benefici economici per ogni euro investito”, ha affermato Michele Cecchini, a capo del gruppo Programma di lavoro dell’OCSE sulla sanità pubblica.
Complessivamente, se i paesi dell’UE affrontassero l’inattività fisica nell’intera popolazione, risparmieranno in media lo 0,6% del loro budget sanitario. Si tratta di quasi 8 miliardi di euro PPP all’anno, più della spesa sanitaria annuale totale di Lituania e Lussemburgo messi insieme.
Il rapporto OMS/OCSE evidenzia la necessità di un futuro più attivo mentre i paesi stanno riaprendo dopo le restrizioni dovute al COVID-19. La pandemia di COVID-19, che ha visto molti paesi introdurre restrizioni alla circolazione a livello nazionale, ha avuto un impatto negativo sui livelli di attività fisica nell’UE. Più della metà degli intervistati dell’ultimo sondaggio Eurobarometro ha affermato di aver ridotto il proprio livello di attività fisica, con il 34% che si esercita meno frequentemente e il 18% che si ferma completamente.
In questo contesto, il rapporto OMS/OCSE propone misure politiche che possono aumentare i livelli di attività fisica e rendere le persone più consapevoli dei suoi benefici per la salute.
“Molti paesi hanno già compiuto passi promettenti in questa direzione. Ma ci sono ancora molte opportunità per imparare dai reciproci successi. Ad esempio, i programmi per promuovere i viaggi attivi verso la scuola o il lavoro sono presenti rispettivamente solo in 14 e 17 dei 27 Stati membri dell’UE”, ha aggiunto il dott. Wickramasinghe.
Esiste un’ampia gamma di opzioni politiche per aumentare i livelli di attività fisica, che migliorano la salute della popolazione, oltre a ridurre la spesa sanitaria:
1) programmi specifici nelle scuole, nei luoghi di lavoro e nel sistema sanitario
2) politiche per aumentare l’accesso agli impianti sportivi
3) urbanistica, ambiente e politiche dei trasporti
4) politiche di comunicazione e informazione.
Poiché l’attività fisica è un comportamento complesso, è necessario un pacchetto completo di politiche per mirare a tutti i suoi fattori contemporaneamente, con finanziamenti sufficienti e duraturi e una solida valutazione. Le misure sono pienamente in linea con il programma di lavoro europeo dell’OMS 2020-2025, che promuove un’azione congiunta per una salute migliore in tutti i 53 Stati membri della regione europea dell’OMS.

SERGIO   DEMURU